Fervono in Brianza le attività dei Gruppi Giovani

postato in: Tutti gli articoli | 0

L’inizio del 2018 ha portato aria di novità in casa Avis, soprattutto per quanto riguarda il movimento dei giovani. Tra novembre e gennaio, prima a Nova Milanese e poi a Brugherio, si sono svolti due incontri che hanno riformato e rilanciato l’attività del gruppo AVIS Giovani Monza e Brianza. E’ dal 2011 che nella sezione provinciale opera un gruppo dedicato a progetti under 35. Tra le tante iniziative realizzate, sono da ricordare due edizioni della biciclettata Limbiate – Monza.

Dopo un naturale ricambio di volontari e il passaggio della presidenza provinciale da Roberto Saini a Gianluigi Molinari, ora il gruppo è tornato con nuove energie e nuove idee, e ha già messo in cantiere diverse iniziative per i prossimi mesi.

In Brianza però altri gruppi sono già in pista con una serie di eventi. A Cogliate ci si prepara a festeggiare (in via Manzoni 25) il primo anno di attività del gruppo Giovani AVIS Cogliate, dando il via lunedì 12 febbraio alla nascita dei “Lunedì giovani”, un modo diverso di vivere l’associazione.

Brugherio invece, il locale Gruppo Giovani ha in programma per domenica 18 febbraio un evento dal titolo emblematico: “Cena in rosso”. Si tratta di una cena in pieno spirito avisino, dove a ciascun  partecipante è richiesto di portare qualcosa da mangiare o da bere per condividerlo con tutti gli altri. AVIS metterà a disposizione la location allestita per l’occasione (in via Oberdan 83), la musica, la torta e quanto serve a festeggiare. Unico must della serata, vestire di rosso e invitare gli amici, avisini e non.

Nova Milanese gli under 35 della sezione comunale hanno dato vita invece ai “Red Friday“: i giovani donatori si ritrovano nei bar della città per intercettare i loro coetanei e far conoscere l’attività di AVIS.

Anche in AVIS Monza ci si muove in direzione bar. Continua anche per il 2018 la campagna “Io porto un’amica/o”, che consente a chi porta un amico in AVIS di consumare un’abbondante colazione in due nella caffetteria collegata all’iniziativa.

Perché donare fa bene sì agli altri, ma anche a se stessi.