West Nile Virus, la Brianza si attrezza con il test NAT

pubblicato in: Tutti gli articoli | 0

Dopo la prima segnalazione nella provincia di Padova, il West Nile Virus è stato isolato anche nella provincia di Reggio Emilia. Anche qui è quindi scattato il protocollo di sicurezza (sospensione di 28 giorni) per quei donatori di sangue che abbiano soggiornato, anche solo una notte, nelle province dove sia stato segnalato il virus.

I Centri di Raccolta della provincia di Monza e Brianza si sono già attrezzati per effettuare il test NAT sulle sacche raccolte da donatori che abbiano soggiornato nelle zone interessate dal protocollo di sospensione. Ciò consentirà di continuare a raccogliere sangue e plasma (evitando la sospensione di 28 giorni) in questo periodo estivo, sempre caratterizzato da un minor afflusso di materiale ematico.

Per questo si rende massimamente importante che i donatori prendano visione della mappa delle province interessate dalla presenza del West Nile Virus e lo comunichino al personale medico prima della donazione.

Visionare, comunicare, donare, testare: ecco la regola contro il West Nile Virus.

LINK: Mappa delle province interessate dalla presenza del West Nile Virus