Alice Arzuffi, dopo la gioia per il tricolore si guarda al mondiale

posted in: Tutti gli articoli | 0

Indossare la maglia tricolore  è sempre una grande soddisfazione, soprattutto se per quattro anni è sfuggita veramente per poco. Ma domenica scorsa Alice Maria Arzuffi ce l’ha fatta. Ventisei anni, di Seregno, Alice Arzuffi, testimonial di Avis Provinciale Monza e Brianza, ha conquistato il titolo di campionessa italiana di ciclocross a Lecce, categoria elite. La Arzuffi ha corso per le Fiamme Oro, mentre la sua squadra di club è la 777.  «Vado in bici da quanto avevo 11 anni – ha raccontato Alice Arzuffi – ho corso per la Cicli Fiorin di Baruccana di Seveso, dalla strada sono passata presto al cross che mi ha appassionato sempre più. Questo è il primo titolo italiano che vinco da elìte, negli ultimi quattro anni sono arrivata sempre seconda alle spalle di Eva Lechner che quest’anno è arrivata terza».

«Felicissimo per lei. Se lo merita – ha sottolineato il suo coach Luca Quinti – negli ultimi quattro anni ha dimostrato di essere la più forte in assoluto, ma nei campionati è sempre stata superata dalla Lechner». Se Quinti è il suo coach, Davide Arzini è il suo preparatore atletico. Ma la preparazione fisica nel ciclismo e ancor più nel ciclocross può davvero fare la differenza.

Gli impegni di Alice che spesso soggiorna in Belgio proseguiranno tra una decina di giorni con l’ultima tappa della coppa del mondo e il mondiale in programma ad Ostenda, in Belgio, il 30 e 31 gennaio.