Perché donare

Perché donare?

  • Donare il sangue è un gesto di solidarietà
    Significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo mi preoccupa.
  • Il sangue non è riproducibile in laboratorio, ma è indispensabile alla vita
    Indispensabile nei servizi di primo soccorso, in chirurgia nella cura di alcune malattie, tra le quali quelle oncologiche, e nei trapianti.
  • Tutti domani potremmo avere bisogno di sangue per qualche motivo. Anche tu
    La disponibilità di sangue è un patrimonio collettivo di solidarietà da cui ognuno può attingere nei momenti di necessità.
  • Le donazioni di donatori periodici, volontari, anonimi, non retribuiti e consapevoli rappresentano una garanzia per la salute di chi riceve e di chi dona.
    E’ la donazione del sangue come tale.

Chi può donare

Condizioni di base per il donatore
Diventare donatore

   Età: Compresa tra 18 anni e i 60 anni (per candidarsi a diventare donatori di sangue intero), 65 anni (età massima per proseguire l’attività di donazione per i donatori periodici), con deroghe a giudizio del medico
   Peso: Superiore a 50 kg
   Pulsazioni: Comprese tra 50 e 100 battiti/min; anche frequenze inferiori per chi pratica attività sportive
   Pressione arteriosa: Tra 60 e 100 la diastolica (o minima); tra 110 e 180 la sistolica (o massima)
   Stato di salute: Buono o ottimo
   Stile di vita: Nessun comportamento a rischio

Verificati i requisiti, l’aspirante donatore viene sottoposto ad una serie di esami clinici, elettrocardiogramma e visita medica prima della donazione.
Il nuovo donatore prima di eseguire la visita medica dovrà compilare un modulo di accettazione e consenso.
Durante la visita medica verranno controllati i parametri vitali, gli esiti delle analisi precedenti, infine verranno valutate le possibili temporanee controindicazioni alla donazione.
Le donazioni possono essere di sangue, plasma e piastrine.
Il materiale utilizzato per le donazioni è sterile e monouso; le donazioni di sangue intero devono essere distanziate almeno 90 giorni l’una dall’altra.
Le donne in età fertile possono donare sangue due volte all’anno, non debbono farlo durante le mestruazioni o la gravidanza e per un anno dopo il parto.
Per legge il lavoratore dipendente ha diritto ad una giornata di riposo e alla corresponsione della normale retribuzione, in concomitanza con la donazione.

Iscrizione all’AVIS

Le modalità di iscrizione variano in relazione alle strutture ospedaliere alle quali afferiscono le diverse AVIS Comunali.
E’ pertanto consigliabile contattare la Comunale presso la quale ci si vuole iscrivere per avere tutte le informazioni del caso.